in ,

22 marzo, la Giornata Mondiale dell’Acqua che pochi ricordano

22 marzo, una data da ricordare per celebrarla ogni giorno rispettando e risparmiando la risorosa idrica

La giornata dedicata alla risorsa più vitale del pianeta è stata ignorata dalle istituzioni ma, per buona parte, anche da ambienti in cui l’acqua è fondamentale per il proprio lavoro che la crisi idrica minaccia seriamente

Wbox, che negli anni passati ha sempre sensibilizzato sulla Giornata Mondiale dell’Acqua, quest’anno arriva negligentemente a dedicare uno spazio con un giorno di ritardo ad una data che meriterebbe di essere ben evidenziata e segnalata a tutti. Anzi, la Giornata dovrebbe solo essere un pro-memoria celebrativo di un dono prezioso che la Natura, ovvero, per chi crede, nostro Signore, ci dona. Una risorsa fondamentale per la vita del pianeta il cui valore andrebbe considerato con grande attenzione ogni giorno e non solo il 22 marzo.

Ma è ancora più importante per chi, come lo sport e gli impianti sportivi, fonda il proprio lavoro e progetto imprenditoriale e di servizio, proprio sull’acqua, direttamente o indirettamente. È il caso delle piscine, ma anche di chiunque svolga ed offra sport perché pure le palestre, con o senza piscina, dispongono di docce, devono garantire l’igiene grazie all’acqua e sovente hanno spa e zone umide che dipendono esclusivamente dall’acqua.

Poco si fa e poco si dice sulla Giornata Mondiale dell’Acqua, fatto ancor più grave se proprio sul piano istituzionale si trascura questa attenzione, sensibilizzando la popolazione che, come le stesse istituzioni, sottovaluta il grave problema della siccità e scarsità idrica. Salvo ricordarsi della cosa nelle fasi emergenziali, cercando di correre tardivamente al riparo con grandi progetti e parole, parole, parole che intenderebbero rassicurare, quando ormai, in molti casi, l’unica soluzione è razionare l’acqua, come è accaduto poco tempo fa in Catalogna. Non nel cuore dell’Africa dove la siccità è da tempo un problema cronico ed irrisolto, ma in Europa, dove l’acqua si continua a sprecarla.

Come facciamo noi in Italia, con una rete idrica che, dopo i grandiosi proclami della politica su interventi fondamentali, quelli “rassicuranti”, disperde acqua per il 42% prima che arrivi a destinazione. Una vergogna.

Ed è riprovevole che pure noi di wbox, cosi come quasi tutti i settoristi, dimentichiamo di fare campagne di sensibilizzazione e di agire con azioni concrete per risparmiare acqua, creando i presupposti perché questa risorsa non manchi durante i lunghi periodi di carenza di piogge, dopo quelli piovosi di quest’inverno.

Ce lo ricordano invece gli ottimi ed accorati appelli social divulgati da Assopiscine e Fluidra, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua. Un grazie da parte nostra a chi, con grande senso di responsabilità, agisce e non perde di vista certe date, che contano veramente tanto per il pianeta, ma anche per ognuno di noi che, con l’acqua, lavora, svolge la propria professione, la propria attività d’impresa, offrendo servizi e benefici alla collettività.

DA ASSOPISCINE DIVULGATO IL 22 MARZO:

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dell’#acqua, celebriamo questo elemento fondamentale e prezioso, l’acqua infatti crea vita, alimenta le economie e collega le comunità.
 
Vogliamo rinnovare il nostro impegno per tutelare questa risorsa preziosa. Noi di Assopiscine stiamo portando avanti la realizzazione di una legge per regolamentare il comparto piscine non solo sulla #sicurezza, ma anche sull’efficientamento delle piscine in termini di sostenibilità e di risparmio idrico per far sì che non venga sprecata l’acqua.
 
L’acqua ha per noi un valore inestimabile e oggi, come ogni giorno, la valorizziamo e la tuteliamo.

DA FLUIDRA VIA LINKEDIN

Oggi è la giornata mondiale dell’acqua. Desideriamo condividere questo video che spiega come #Fluidra si impegna ogni giorno nello sviluppo di prodotti #sostenibili che consumino sempre meno #acqua ed #energia a salvaguardia del nostro #pianeta.
Ci sono poi delle buone pratiche che ogni proprietario di #piscina può adottare, ad esempio, coprendo la piscina con una #copertura, si risparmia fino al 94% di acqua evitandone l’evaporazione ma anche meno energia per riscaldarla e meno prodotti chimici. Allo stesso modo passando a una #disinfezione a uv, ozono o/e elettrolisi e sostituendo il proprio #filtro con un filtro a cartuccia. Informatevi su tutte queste soluzioni presso i nostri #rivenditori autorizzati.

Il link per vedere il video di Fluidra https://www.youtube.com/watch?v=W7AQCSbGCqQ

Scritto da redazione