in

Abodi: “Allo sport vengono destinati sostegni finanziari”

Il Ministro Abodi è intervenuto per ribadire l'impegno a sostenere finanziariamente lo sport di base e nelle scuole ph La Nuova Venezia

Forse non è collegabile alla tensione Ministero dello Sport-mondo del calcio, ma la precisazione di Andrea Abodi, riferita allo sport di base, sembra rispondere all’allusione, discutibile, che al calcio non sono stati dati sostegni adeguati

Mentre non sembra attenuarsi la polemica Abodi-Malagò, dove il secondo è allineato alla netta opposizione del sistema calcio contro l’idea di un’authority terza che controlli i bilanci e la regolarità delle posizioni finanziarie delle società calcistiche, il Ministro dello Sport in altra sede, in altro contesto e con riferimento allo sport di base e nelle scuole, ha tenuto a ribadire che non mancherà il sostegno finanziario. Tuttavia, in merito allo sport nelle scuole, si deve sottolineare che l’Italia è veramente perdente da decenni e il paragone con Francia, Gran Bretagna, Germania, dove lo sport nelle scuole primarie è una priorità e strutture sportive sono adeguate, è impietoso.

Quanto al calcio, che sull’etica economico-finanziaria poco ha da insegnare e che si lamenta di aver subito perdite ingenti causa crisi pandemica, dovrebbe sapere che tutto il mondo dello sport ha subito un tracollo, con chiusure e fallimenti che non hanno lontanamente sfiorato l’opulento mondo del calcio, prima di chiedere aiuti dello Stato e quindi della collettività che, con le proprie tasse, contribuisce a sostegni e agevolazioni, sarebbe meglio imparasse a non dilapidare patrimoni e milioni di euro per stili professionali e manageriali non all’altezza del compito. Senza nulla togliere alla spettacolarità, all’appeal e alla popolarità dello sport che piace di più al mondo.

Ma lo sport di base, con i suoi valori educativi e formativi, merita ben altre attenzioni ed è la vera priorità di qualsiasi Paese. Avremmo piuttosto qualcosa da dire sull’arretratezza e sull’obsolescenza delle strutture sportive nazionali (anche i campi da calcio di quartiere) sulle quali sarebbero necessari interventi per diversi miliardi di euro, che, vista la condizione delle casse italiane, non verranno mai stanziati.

Questo il flash di Italia Oggi sulle parole pronunciate da Abodi

ALLO SPORT DIAMO RISPOSTE DI NATURA FINANZIARIA

“Le risposte che diamo al mondo dello sport sono di natura finanziaria, mettiamo a disposizione risorse economiche per la valorizzazione del patrimonio sportivo”. Lo ha detto il ministro per lo Sport Andrea Abodi, oggi a Mestre
“Il tutto non trascurando le scuole che saranno destinatarie di ulteriori risorse finanziarie – ha proseguito – come con il decreto Coesione con 200 milioni di euro, poi abbiamo un bando agli spazi non convenzionali dove, pur non avendo una palestra, si possono praticare attività sportive con attrezzature e poi misure dedicate ai parchi e alle carceri”

Scritto da redazione