in , ,

Giovani fra Wellbeing e Qualità Relazionale

Per i giovani la palestra a costi accessibili è un punto di incontro e condivisione che aiuta a stare bene ph freepik

Le nuove generazioni sanno interpretare stili di vita che facilitano il proprio stare bene correggendo errori diffusi nell’alimentazione e privileginado le relazioni sociali, le abitudini sane e motoriamente attive guadagnando così in autostima e benessere mentale

zenato_matteo@libero.it

Il Wellbeing è un concetto sempre più osservato e seguito dai Giovani (15 – 25 anni), i quali si dimostrano essere una categoria attenta alla salute fisica, mentale e sociale. A contribuire la diffusione del Wellbeing ci sono una serie di fattori di promozione quali:

– l’informazione sul tema, appresa per la maggior parte dai social media e da modelli positivi (atleti, personaggi dello spettacolo, esponenti scientifici, ecc.);

Sono sempre di più i giovani che hanno consapevolezza delle scelte ideali e di cosa significhi stare bene e in salute ph Victor Prazis by freepik

– maggiori occasioni di apprendimento grazie alle progettualità scolastiche in materia di salute, che rendono i Giovani più consapevoli dei rischi che corrono nell’osservare uno stile di vita malsano;

– l’importanza dell’attività fisica come rituale da seguire per il benessere corporeo ed emotivo, che può essere conseguita in centri sportivi che vendono abbonamenti a prezzi più accessibili e flessibili, consentendo l’aumento delle iscrizioni per questa fascia di età, non ancora economicamente autonoma. Stare bene con se stessi dal punto di vista estetico, possedere performance funzionali alle attività quotidiane e sportive aumenta la percezione di un corpo sano ed efficiente;

– l’attenzione ad un’alimentazione sana ed equilibrata, ricca di principi e sostanze naturali, a discapito del junk food e di cibi ultraprocessati;

– l’attenzione all’ambiente, visto come una componente fisica che si congiunge all’organismo umano in un’ottica olistica.

ph katemangostar by freepik

La diffusione e condivisione di questi fattori nei Giovani contribuisce ad un miglioramento della qualità di vita, con ricadute positive sulle relazioni sociali:

– il sentirsi bene fisicamente, il piacersi ed una buona autostima aumentano le occasioni di interazioni sociali positive e di successo;

– il benessere emotivo riduce l’isolamento e l’ansia, rende la persona più aperta e disponibile verso gli altri;

– l’intelligenza sociale contribuisce alla promozione di reti sociali, di progettualità condivise e ad un maggior protagonismo della persona nella vita comunitaria.

Un mondo giovanile basato su relazioni qualitativamente sane e funzionali ha più opportunità di ridurre i rischi della salute, di alimentare attraverso la peer education stili di vita sani, di individuare ed aiutare coetanei in difficoltà supportandoli in percorsi di cambiamento.

Molti giovani, a beneficio di palestre e centri sportivi, scelgono l’esercizio fisico per stare bene ph master1305 by freepik

Scritto da Matteo Zenato