in , ,

Gli allenamenti e il piacere di essere community: Trail Sports

L'indagine Strava, la community che raccoglie oltre 100 milioni di sportivi di 190 paesi ph freepik

La ricerca di Strava, commentata da Fitt Insider, fornisce altre indicazioni sui gusti prevalenti nel 2024: spunti utili orientati a social, community e outdoor, ma ormai gli operatori hanno idee chiare su cosa privilegiare

L’eccesso di informazioni rischia di confondere, ma è sempre utile esaminare cosa le indagini e le ricerche indicano o per avere conferme sulle scelte operate o per cogliere cambiamenti che magari ci sono sfuggiti.

ph Strava

Invero chi ha una palestra o una piscina ha ben chiaro cosa debba fare e lo ha impostato già ad inizio stagione 2023-24. Certo, alla luce dei fitness trends 2024 di ACSM e di quanto riporta la ricerca di Strava, qualche idea nuova per il nuovo anno merita di essere presa seriamente in esame, per non restare indietro e per offrire alla clientela soluzioni e novità più convincenti.

Strava è la più grande comunità online di sportivi al mondo www.strava.com : si parla di oltre 100 milioni di appassionati di attività fisica/sport di 190 paesi. Ovvio che chi ne è parte si senta “comunità” e collochi la community al vertice delle proprie preferenze. Il tutto in chiave multidisciplinare, facilitata da collegamenti che i social facilitano e potenziano.

ph Strava

Se prevale il piacere-bisogno di sentirsi “community” grazie alle connessioni e ai social, teniamolo presente, anche se è magari più premiante per attività outdoor tendenzialmente legate a sfide o a confronti, che comunque possono rientrare nelle routine dei programmi personalizzati di palestre e piscine riservati alla propria clientela.

Senza però essere asserviti emotivamente a trend e novità, perché è bene avere una propria rotta, non navigando a vista, ma con un preciso porto d’approdo, il traguardo cardine che ogni palestra o piscina ha chiaro da tempo.

COMMUNITY, TRAIL SPORTS TOP – IL RAPPORTO ANNUALE DI STRAVA

Gli utenti stanno diventando sempre più social per rimanere attivi

Di JOE VENNARE

ph Fitt Insider

La connessione social sta guidando gli allenamenti digitali e IRL.

Cosa sta succedendo: analizzando i dati di attività di 120 milioni di utenti globali, il rapporto annuale sulle tendenze di Strava rivela i comportamenti e le motivazioni di chi cerca esercizio fisico.

SOCIAL FITNESSAttraverso le generazioni, gli utenti affermano che la connessione social è la ragione numero uno per allenarsi con gli altri.

  • Ispirati dalla propria cerchia ristretta, oltre la metà degli atleti Strava sono maggiormente motivati ​​dalla famiglia e dagli amici che fanno attività fisica.
  • Rimanendo in contatto digitale, il 77% degli utenti della generazione Z si sente più connesso ad amici e familiari che pubblicano attività su Strava.
  • Forgiando una community, l’84% degli utenti Strava afferma che la piattaforma li aiuta a combattere i sentimenti di solitudine, anche se si allenano da soli.

IN MOVIMENTO. La corsa, gli sport su trail e le passeggiate sono state tra le attività più popolari, con il ciclismo su percorsi irregolari (gravel cycling) e il trail running in aumento rispettivamente del 55% e del 16% rispetto allo scorso anno.

Da notare che le attività variano in base all’età: gli utenti della Gen Z avevano quasi il doppio delle probabilità di correre rispetto ad andare in bicicletta, mentre i Boomer avevano il doppio delle probabilità di caricare corse in bici rispetto al running.

Anche la generazione Z ha optato per corse e pedalate più brevi , aumentando l’intensità ma riducendo la durata degli allenamenti.

CONCLUSIONE: Riunendo le persone di persona o costruendo connessioni digitali , il rapporto di Strava segnala il desiderio e la potenza della community. Prendendo nota, esiste un’opportunità non sfruttata per i marchi che possono sfruttare gli effetti di rete, la ludicizzazione e le relazioni remote per ispirare l’attività ed eliminare l’isolamento.

ph Strava

Fonte: https://insider.fitt.co/community-trail-sports-top-stravas-annual-report/

Scritto da Marco Tornatore