in , ,

Group Reformer: una nuova opportunità per il mondo del Wellness e oltre

Il reformer per vivere una nuova dimensione di pilates ed elevare il potenziale di ogni studio o palestra ph Allegro Reformer - Balanced Body

L’evoluzione del pilates, attraverso attrezzature dedicate, ne ha elevato il potenziale con una diffusione planetaria che tocca più settori

Questo articolo è stato pubblicato su HA Wellbeing di gennaio-febbraio 2024

info@areaquattro.com

La parola “reformer”, misteriosa e sconosciuta ai più, oggi sembra sulla bocca di tutti. Cos’è successo?

«Il pilates, in particolar modo praticato con il reformer, il suo macchinario più iconico, sta avendo un’accelerazione incredibile in tutto il mondo. Dopo il Covid l’interesse si è rivolto verso un allenamento più intelligente e consapevole, in un contesto curato, intimo e di classe. In questo il pilates è da sempre imbattibile» – racconta Emiliano Cais, managing director di Balanced Body in Italia.

È una fotografia perfetta dell’evoluzione in corso. La pratica pilates, che per lungo tempo è sembrata consolidata in modalità quasi immutabili, si sta mostrando sotto una nuova luce non solo agli Studi Pilates, ma anche ai Fitness Club, aree benessere, centri sportivi, luxury hotel e spa.

Allegro 2 Reformer – Balanced Body by Genesi

Da almeno 20 anni in Italia il pilates attira uomini e donne con obiettivi di allenamento specifici e ambiziosi. Dai tempi in cui Madonna dichiarò di non poterne fare a meno – prima fra i tanti VIP e atleti che l’hanno seguita – si è diffuso in modo lento ma costante.

La differenza rispetto a un paio di anni fa è che la sua pratica si è ampliata sensibilmente dal matwork (la forma di pilates più nota, praticata sul materassino a corpo libero), al pilates praticato con le macchine, sia in personal, sia in gruppi da 6 a 10 persone.

Per chi ancora non conoscesse i macchinari del pilates, parliamo di chair, cadillac, ladder barrel, springboard… ma è certamente il reformer il più noto di tutti: un’attrezzatura geniale, estremamente virtuosa e versatile, con una storia gloriosa di oltre 100 anni.

Ormai sono decine i club in Italia che hanno introdotto il pilates con reformer e macchinari in modalità di small group

A fianco della più diffusa modalità di personal training one to one o a circuito si è affermato un nuovo concept: il group reformer pilates, allenamento svolto dinamicamente in piccoli gruppi con l’ausilio del reformer, spesso accompagnato da chair e springboard.

La modalità group reformer è oggi praticata non più solo negli studi pilates, ma anche nei fitness club, nelle fitness boutique, nelle wellness area, nelle palestre polifunzionali. Sono nati anche club verticali: famoso è il caso di Club Pilates, catena con oltre 750 centri negli Stati Uniti, ora anche in Europa.

Rialto Reformer – Balanced Body by Genesi

Attrezzare un’area con più reformer (da sei a dieci è il numero ideale) può rivelarsi estremamente intelligente. Le ragioni sono tecniche ed economiche.

Il pilates su reformer intercetta una crescente clientela che vuole allenarsi sui macchinari, non solo sul materassino. E lo vuole fare «in gruppi più intimi rispetto al matwork, ma allo stesso tempo più ampi del personal o del “duetto”, sempre seguiti da un trainer esperto» chiosa Emiliano Cais.

È innegabile che questa evoluzione sia sotto la lente di chi vuole soddisfare in modo economicamente appagante le necessità di una clientela crescente.

Gestire una classe di 6-10 persone sul reformer richiede competenza, ma non più di quanto lo richieda il matwork

Dal punto di vista della qualità del training, sebbene possa apparire più facile condurre una lezione con molte persone a corpo libero, la macchina può costituire in realtà un grande vantaggio.

Il reformer infatti offre assistenza all’esecuzione dei movimenti corretti e vincola il corpo all’allineamento ideale. Le molle di cui è dotato accompagnano in modo adeguato l’allenamento e aiutano a mantenere un equilibrio ideale tra stabilità e mobilità.

Pilates Allegro2 Reformer – Balanced Body by Genesi

Fondamentale però è seguire tre principi: 1) avere insegnanti adeguatamente formati da scuole pilates di qualità, 2) proporre solo esercizi adatti a un contesto di un gruppo, evitando il repertorio complesso, proponibile solo in personal, 3) comporre un gruppo di livello omogeneo.

Parlo per esperienza diretta. In Area4, la palestra che ho fondato oltre dieci anni fa, propongo un mix di allenamento funzionale, pesi e pilates. Fra i miei clienti ci sono semplici persone che cercano la forma fisica, così come atleti professionisti. Il tratto comune di tutti però è l’idea di muoversi consapevolmente. Con l’obiettivo di migliorare le proprie capacità motorie, non banalmente perdere peso.

Non uso tapis roulant, vogatori, spinning bike. In una sala, ho uno studio pilates completo, e in un’altra svolgo attività di pilates in modalità group reformer. Ci siamo dotati di sette reformer e sette chair, ideali per migliorare il tono muscolare, potenziare la mobilità della colonna vertebrale, promuovere la stabilità, l’equilibrio e il controllo del corpo.

Per attrezzare in maniera intelligente una sala polifunzionale è possibile scegliere un reformer riponibile in verticale

Dal mio punto di vista il modello di reformer Allegro 1 del leader mondiale Balanced Body è il più adatto a chi voglia attrezzare il proprio spazio polifunzionale anche per attività in gruppo.

Rialto Reformer – Balanced Body by Genesi

Dotato di ruote per una facile movimentazione, può essere riposto comodamente in verticale o accatastato in orizzontale. Comodo anche in spazi ristretti, permette di usare liberamente la sala anche per le attività a corpo libero, senza vincolarla.

Ritengo importante sottolineare come il pilates, in ogni sua forma, non sia una moda, bensì una tendenza. La moda è un fenomeno passeggero che evapora nel giro di breve tempo. La tendenza è un fenomeno di lungo periodo che si consolida e amplia in uno scenario permanente. Che il pilates sia una tendenza è infatti sotto gli occhi di tutti da anni: la sua crescita è stata costante e inscalfibile. L’attuale accelerazione nell’adozione del reformer è l’evoluzione matura di un processo iniziato da almeno vent’anni nel mondo.

Scritto da Enrico Prandini