in , ,

I sessantenni di oggi sono i quarantenni di ieri

I meno giovani sono sempre più orientati a stili di vita attivi che ben si conciliano con le outdoor experiences ph freepik

Non solo esercizio fisico in chiave salute, ma anche spirito di avventura: chi ama l’outdoor è prevalentemente Over 65 e il numero di partecipanti a programmi di viaggi e attività ricreative è in crescita

Forse il panorama che fotografa l’ultima indagine di Fitt Insider è molto circoscritto agli USA, ma la tendenza generale è che, se da un lato l’esercizio fisico, senza eccessi di carico e per stare bene, rappresenta una priorità crescente per la popolazione di età più matura, dall’altro questa attenzione viene completata dalla partecipazione ad iniziative ricreative in particolare se proiettate ad esperienze all’aperto (spesso integrate da attività fisiche evasive e in mezzo alla natura).

Un fenomeno che negli States sta trovando costante diffusione e che sicuramente, per buona parte, sta verificandosi anche in Italia. Certo, da noi la cultura del movimento è molto territoriale (molto al Nord, molto poco al Sud) e la sedentarietà è fenomeno ancora troppo prevalente, ma se si parla di salute e prevenzione gli ultracinquantenni italiani hanno compreso che l’esercizio fisico aiuta ad escludere patologie serie e ad invecchiare in salute. Le attività ricreative hanno sicuramente più immediato e forte appeal, anche perché la parola “fatica” pesa relativamente.

ph freepik

Fra la consapevolezza dei benefici di stili di vita sani e l’azione, con conseguente attività fisica in palestra o piscina o, piacevolmente, all’aperto, ci vuole ancora tempo; tuttavia, sicuramente quello che sta diventando Oltreoceano un costume condiviso fra diversi Over 50 e 60, con ricadute positive per abbonamenti in palestra e piscina, è intuibile avrà ad affermarsi anche nel nostro Paese. Per i tempi, dipenderà anche da quanto noi operatori saremo in grado di confezionare un’offerta e proposte che invoglino a venire nel centro sportivo, altrimenti l’alternativa resta quella dell’outdoor secondo modelli autonomi, molto indipendenti e parecchio economici.

Questa l’ultima indagine flash che riporta Fitt Insider: rimarca come chi oggi ha 60 anni sia, di fatto, il nuovo quarantenne di qualche tempo fa…

60 È IL NUOVO 40

Grazie alle pratiche sanitarie preventive, una maggiore durata della vita significa che gli adulti hanno più tempo per avventurarsi con l’avanzare dell’età.



1 su 5 ricreativi all’aperto è un anziano.

• Nel 2022, un terzo delle persone di età 65+ anni si è impegnato in attività ricreative all’aperto.

• La partecipazione tra gli anziani è cresciuta del ~7% all’anno dal 2018.

Dal campeggio al kayak e alla pesca, l’interesse è in aumento.

L’osservazione della fauna selvatica è una grande attrazione e i 55+ anni costituiscono il 26% di tutti gli escursionisti statunitensi.

L’organizzazione di spedizioni, i tour operator all’aperto e le aziende sportive si rivolgono sempre più agli adulti e agli anziani di mezza età.

Un vantaggio per tutti, gli americani perseguono l’esplorazione per tutta la vita, mentre gli operatori crescono attraverso nuovi dati demografici.

ph freepik

Scritto da redazione