in , ,

ICS: 1,38 miliardi di euro di benefici sociali dai Social Bond

Note molto positive dal social report dell'ICS sugli effetti dei Social Bonds

A beneficiare dei proventi agevolati dal Credito Sportivo sono in primis i Comuni (60%) e, a seguire, le PMI (14%): significativo il beneficio a favore dei costi della sanità nazionale

I numeri sembrano elevati, ma per un effetto più allargato ed incisivo, che passerebbe anche da modernizzazione e da nuove realizzazioni di impianti sportivi, i benefici sociali avrebbero bisogno di ulteriore linfa per almeno otto volte tanto quanto ad oggi viene finanziato.

Tuttavia, rispetto al nulla o al poco del passato, alcuni segnali incoraggianti sono inequivocabili ed è auspicabile si prosegua in modo crescente e magari più programmato per questa strada.

Un quadro di quanto ha favorito l’Istituto del Credito Sportivo attraverso i Social Bond viene fotografato in modo sintetico ma esuastivo dalla breve nota di ItaliaOggi:

DAL SOCIAL BOND DELL’ISTITUTO DEL CREDITO SPORTIVO 1,38 MILIONI DI EURO DI BENEFICI SOCIALI
Oggi, a un anno dall’emissione del social bond da parte dell’Ics, sono stati presentati gli impatti dello stesso nel Social Bond Impact Report
“Nell’orizzonte di vita utile delle infrastrutture finanziate, sono stimati benefici sociali per 1,38 milioni di euro”, fanno sapere dall’Istituto.
La grande maggioranza dei proventi è stata destinata ai comuni (159 milioni; 60%), seguiti da Pmi (37 milioni; 14%), Federazioni sportive (26 milioni; 10%), No-profit (25 milioni; 9%), Università (12 milioni; ,4%) e Parrocchie (6 milioni; 2%)
La maggior parte dei benefici sociali generati, pari a 1.062 milioni di euro (77%), sono legati al risparmio per le spese sanitarie.

Questo invece quato riporta, in modo più dettagliato ma comunque succinto, l’ICS dal prorpio sito:

STIMATI 1,38 MILIARDI DI EURO DI BENEFICI SOCIALI AD UN ANNO DALLA PUBBLICAZIONE DEL SOCIAL BOND

A un anno dall’emissione del primo Social Bond, Istituto per il Credito Sportivo, ha presentato gli impatti economici e sociali generati dagli impieghi finanziati con i fondi raccolti e pubblicato il Social Bond Impact Report.

Nell’orizzonte di vita utile delle infrastrutture finanziate, sono stimati benefici sociali per 1,38 miliardi di euro. La grande maggioranza dei proventi è stata destinata ai Comuni (159 milioni di euro; 60%), seguiti dalle PMI (37 milioni di euro; 14%), Federazioni sportive (26 milioni di euro; 10%), No-profit (25 milioni di euro; 9%), Università (12 milioni di euro,4%) e Parrocchie (6 milioni di euro; 2%).

I proventi sono stati interamente destinati a tutte le “Categorie eleggibili” riconosciute nell’ICS Social Bond Framework: Comuni, parrocchie, enti no-profit, federazioni sportive, PMI, Università situate in aree più esposte a rischi di vulnerabilità sociale e materiale, creando così un significativo ritorno sociale.

La maggior parte dei benefici sociali generati, pari a 1 miliardo di euro (77%), sono legati al risparmio per le spese sanitarie, a testimonianza dello stretto legame tra sport e salute.

Lo SROI, Social Return On Investment, complessivo degli attivi finanziati con il bond si è attestato intorno a 3,4, beneficiando comunità ad alto indice di vulnerabilità sociale e materiale, generando impatti su 6 cruciali indicatori di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: 1 (No Poverty); 3 (Good Health and Well-Being); 4 (Quality Education), 8 (Decent Work and Economic Growth); 10 (Reducing Inequalities); 11 (Sustainable Cities and Communities).

ISS Corporate Solutions ne ha sancito, in qualità di auditor esterno, l’allineamento ai core principles e a tutte le raccomandazioni HFIRSB ICMA  evidenziando come gli indicatori d’impatto selezionati dall’Istituto (SROI e Indice di Vulnerabilità) siano in linea con le best practice di mercato.

Questi risultati confermano l’impegno di ICS a lungo termine nel generare impatti positivi, non solo sulle comunità vulnerabili, ma anche sull’economia e sul Sistema Sanitario Nazionale.

Fonte: https://www.creditosportivo.it/news/social-bond-impact-report/  

Scritto da redazione