in ,

Il declino della salute mentale

La salute mentale è un problema che riguarda soprattutto i più giovani e l'esercizio fisico può essere propedeutico ad una terapia adeguata ph rawpixel by freepik

In Italia prestiamo poca attenzione al problema, ma una eccellente condizione fisica dipende molto dallo stato mentale, aspetto su cui negli USA sono molto attenti

Dal portale Fitt Insider le notizie interessanti non mancano mai. Ancor più se un tema molto dibattuto oltreoceano, in Italia registra tiepidi segnali: di fatto, la salute mentale, da non confondere con il benessere mentale, si sta rivelando non un problema degli States, ma di portata mondiale; quindi, è una criticità collettiva anche molto italiana che colpisce soprattutto i più giovani.

Lo yoga e le attività che aiutano a recuperare una buona condizione mentale stanno trovando crescente diffusione ph yanalya by freepik

Il post covid ha registrato un crescendo di disagi mentali, non certo riducibili tutti al problema dello stress. La condizione mentale merita molte attenzioni e le risposte in termini di soluzioni non mancano. Facendo astrazione da patologie mentali come depressioni o disagi pesanti, rispetto al mental wellness, pure le attività che rilassano e apportano benefici alla psiche, trovando diffusione in palestre e piscine (yoga, ai chi, ecc.), sono una soluzione che può aiutare anche in chiave salute.

Ma il tema è ben approfondito nell’articolo che segue

SIAMO IN UN BRUTTO SPAZIO MENTALE

In primo piano: Top of Mind


I dati non mentono; la salute mentale è in declino.

  • Il 23% degli adulti statunitensi, ovvero 59 milioni di persone, ha sperimentato una condizione di salute mentale nel 2022.
  • 21,5 milioni di persone avevano sia una condizione di salute mentale collegato ad un disturbo da uso di sostanze.
  • Il 5,2% delle persone ha avuto seri pensieri suicidi.


I giovani sono i più colpiti, con il 36% dei giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni che riportano una condizione e il 19% degli adolescenti (12-17) che soffre di un episodio depressivo maggiore.

Lanciando l’allarme, il 90% degli americani afferma di essere in una crisi di salute mentale.



TUTTO QUANTO SOPRA Nonostante la crescente consapevolezza, non c’è una risposta chiara. Tuttavia, gli americani stanno cercando aiuto ovunque possano ottenerlo.

  • Il 21,8% degli adulti ha ricevuto servizi di salute mentale nel 2022, con un aumento di quasi il 40% rispetto al 2019.
  • L’uso di antidepressivi è aumentato del ~65% negli ultimi 15 anni, secondo l’APA.


Con la domanda di terapia della parola tradizionale o psichiatria che ha superato l’offerta, le soluzioni tecnologiche sono proliferate, alimentate da 10,3 miliardi di dollari di finanziamenti di venture capital dal 2020.

L’anno scorso, quando le app di mindfulness si sono bloccate e la teleterapia ha vacillato, sono emerse piattaforme B2B, dispositivi indossabili e riviste di intelligenza artificiale, ma i risultati non sono migliorati.

Sfumando i confini tra paziente e utente, le offerte DTC sono ancora alla ricerca dell’efficacia.

Mainstream Stigma 

I problemi di salute mentale non sono più tabù, soprattutto per i giovani.

Ma è possibile che la nostra soglia per essere “a posto” sia cambiata. Con i social media che alimentano l’auto-introspezione compulsiva, i fattori di stress quotidiani potrebbero essere confusi con la malattia mentale.

Non equipaggiate per affrontare e decondizionate per la resilienza, le persone sane possono essere sovradiagnosticate.

  • Il 15,9% di coloro che sono in terapia della parola non ha un disturbo mentale.
  • ~ 44% di quelli che assumono antidepressivi potrebbe smettere senza ricadute.


Un’insidia della cultura della salute mentale e dell'”ottimizzazione” della consapevolezza, è che c’è meno incentivo a laurearsi. E per i marchi digitali, la riabilitazione completa porta all’abbandono.

CIRCOLO VIZIOSO Su un argomento delicato, il benessere mentale e la malattia mentale non sono la stessa cosa: quest’ultima comporta la diagnosi clinica e il trattamento.

In entrambi i casi, un maggiore accesso e una minore stigmatizzazione sono fondamentali, ma è fondamentale affrontare le cause profonde e sviluppare capacità di autoregolamentazione.

Su queste linee, stanno prendendo forma interventi che riducono al minimo la dopamina a basso costo, eliminano l’isolamento, prescrivono l’esercizio fisico e promuovono un’alimentazione sana.

ph yanalya by freepik


EVASIONE

Già in movimento, i gruppi di corsa, gli incontri di camminata e i club di tuffi freddi riempiono un vuoto, mentre gli approcci di origine militare come GORUCK e Deep End Fitness affinano la resilienza.

Ma, avendo bisogno di un percorso clinico chiaro, alcune aziende stanno reinserendo gli aggiustamenti comportamentali nella salute comportamentale.

  • tapouts e Legends gamificano la salute socio-emotiva e l’allenamento della fiducia in se stessi per i bambini.
  • NatureQuant e la lituana Walk15 stanno sperimentando le prescrizioni di attività all’aperto e di esercizio fisico.
  • Meru Health attinge alla psichiatria metabolica, mentre Modern Health ha lanciato la programmazione dell’attività fisica.


Non sono uguali per tutti, i fornitori devono separare lo stress e la tristezza da qualcosa di più serio, creando al contempo delle vie d’uscita logiche, per garantire che le persone ricevano le giuste cure quando è necessario.

Uno sguardo al futuro: La consulenza e la teleterapia sono efficaci e le app per il benessere mentale hanno il loro posto, ma affidarsi a strumenti progettati per fidelizzare gli utenti non frenerà la crisi.

Scritto da redazione