in ,

Il settore piscina e il valore della coesione: Assopiscine e Congepi sono un modello per il comparto sportivo

La Piscina, grazie ad Assospiscine e Congepi, si compatta su Sicurezza, Salute e Sostenibilità

La frammentazione che ha sempre distinto il mondo sportivo viene decisamente superata dall’intesa fra associazioni che rappresentano gestori e costruttori di piscine: sicurezza, salute e sostenibilità le priorità

La stagione del post covid sta rivelandosi molto positiva nel percorso volto ad unire anziché dividere come era accaduto soprattutto durante la pandemia e come era avvenuto negli anni e decenni precedenti. Un fenomeno molto italiano che, se per la Piscina sembra ora vivere una nuova alba, ancora condiziona negativamente settori contigui, tutti afferenti allo sport.

Quindi salutiamo con grande entusiasmo il recente accordo sancito da Congepi ed Assopiscine a ForumPiscine di Bologna: è un fatto da definire come storico o quantomeno simbolico nel Paese delle decine-centinaia di micro e disgreganti realtà rappresentative che non riescono a dare voce a comparti interi.

Le piscine invece, intese come gestione e costruzione, oggi riescono a parlare all’unisono e non è escluso che questo determini un effetto domino molto positivo per tutti i settoristi.

Wbox esprime tutta la gratitudine a due Associazioni che hanno compreso l’importanza, per i propri associati e per il settore tutto, di agire coesi e compatti, dando così più forza alle proprie istanze e progettualità, nonché alla propria credibilità rappresentativa.

Nello specifico, siamo perfettamente allineati allo scopo dell’intesa fra le due realtà, dal momento che uno degli obiettivi è di collocare al centro Sicurezza, Salute, Sostenibilità, temi sui quali a più riprese HA Wellbeing e wbox.it intervengono e sono intervenuti, con particolare sensibilità verso la Sicurezza, tema troppo trascurato in Italia, le cui inadeguatezze abbiamo segnalato e denunciato a più riprese.

Questo il comunicato di Assopiscine e Congepi diramato il 20 febbraio:

ASSOPISCINE E CONGEPI, INSIEME PER SUPPORTARE E INCENTIVARE LO SPORT IN ACQUA

Sicurezza, Salute e Sostenibilità: i principi fondanti delle due Associazioni che pongono le tre S al centro delle attività condivise per lo sviluppo dell’intero comparto e delle imprese

Assopiscine e Congepi si sono unite per promuovere e sostenere lo sport in acqua, ponendo al centro dei loro obiettivi la sicurezza, la salute e la sostenibilità. Le due associazioni sono impegnate nello sviluppo dell’intero settore delle piscine, dei centri natatori e dei centri sportivi polifunzionali, con l’obiettivo di promuovere l’attività fisica e il benessere attraverso lo sport in acqua.

Assopiscine è l’Associazione Italiana Piscine e Wellness, che da oltre 30 anni si dedica al supporto e allo sviluppo del settore delle piscine. Congepi, invece, è la Confederazione Nazionale Gestori Piscine, che rappresenta e tutela gli interessi degli operatori delle piscine pubbliche e private.

Le due associazioni condividono i principi fondanti delle tre S: Sicurezza, Salute e Sostenibilità. Questi sono i valori su cui si basano le attività condivise da Assopiscine e Congepi. La sicurezza è un elemento essenziale nell’utilizzo delle piscine, garantendo condizioni ottimali per la pratica degli sport in acqua. La salute è promossa attraverso l’attività fisica e il benessere che derivano dalla pratica dello sport in acqua. La sostenibilità, infine, è un principio fondamentale per garantire il rispetto dell’ambiente e una gestione consapevole delle risorse.

L’attenzione sempre maggiore verso la cura della salute e il benessere fisico e mentale dei cittadini, ha portato a una crescente domanda di piscine, sia per uso privato che pubblico. Si contano che le sole piscine private in Italia, siano circa 800.000. A questo dato si unisce il tema della sostenibilità e dell’efficienza energetica, sempre più importanti per le aziende e per i consumatori più attenti, che oltre alla sicurezza, cercano soluzioni innovative per ridurre l’impatto ambientale attraverso l’adozione di misure che migliorino l’efficienza energetica delle piscine.

Da qui la necessità di Assopiscine e Congepi di unire le forze e le competenze per dare il loro contributo affinché le Istituzioni possano legiferare a favore della comunità e delle imprese. Oggi sono più di 5 milioni gli utenti, quasi il 10% della popolazione, che ogni anno, frequentano regolarmente impianti acquatico-termali per praticare una sana attività fisica, per lo sport, per il recupero funzionale, il divertimento, e il relax. Garantire e tutelare il comparto e le imprese significa garantire un servizio sociale fondamentale ai nostri cittadini promuovendo un dialogo costante con le Istituzioni per sostenere un settore importante per la salute e la prevenzione della popolazione.

Congepi, in particolare, è attiva con il Ministero dello Sport per tutelare gli impianti che a causa della pandemia e della crisi energetica odierna, non sono riusciti a fronteggiare i costi e hanno così dovuto chiudere gli impianti con un evidente impatto su più livelli: perdita di posti di lavoro, perdita di patrimoni societari, perdita di servizi territoriali rilevanti. Una sconfitta per tutto il tessuto sociale. Congepi rappresenta oltre 200 imprese di gestione che si occupano di impianti polifunzionali all’interno dei quali troviamo piscine, spa, centri termali, solo per citarne alcuni.

Attraverso questo accordo, Assopiscine e Congepi avranno la possibilità di lavorare in maniera congiunta anche sulle nuove normative. Quando si parla di sicurezza ci si riferisce a tematiche che riguardano i bambini, gli adulti e gli anziani, ma anche il tema dell’acqua sanificata, trattata fisicamente in modo corretto, di superficie protetta, di assistenti bagnanti. La sicurezza impatta infatti su molteplici aspetti ed è un fil rouge di qualsiasi aspetto legato all’acqua: dall’importanza dell’avviamento al nuoto, dalle coperture delle strutture, dagli elementi chimici delle acque.

Ferruccio Alessandria Presidente Assopiscine

La partnership fra Assopiscine e Congepi ha dato vita al claimMetti in sicurezza la tua struttura, ma insegna le regole dell’acquaticità ai bambini”, è fondamentale tutelare i frequentatori delle strutture e avviarli al nuoto di cui possono beneficiare non solo a livello sportivo ma anche per la propria salute.

Assopiscine, oltre a schierarsi a fianco di Congepi, si è impegnata a farsi promotrice di una proposta di legge che regolamenti la sicurezza nelle piscine, attualmente in fase di studio sul tavolo del Ministero per la protezione civile e per le politiche del mare, che punta a rendere obbligatoria la dotazione di dispositivi di sicurezza che possano ridurre i rischi di annegamento.

“Siamo molto orgogliosi di questo nuovo accordo con Congepi. Abbiamo subito aderito a portare avanti la Riforma Sport e la proposta per l’emergenza climatica. Sono entrambi aspetti fondamentali per supportare le famiglie nello sport.” Commenta Ferruccio Alessandria, presidente di Assopiscine. “È  un gesto appannaggio di tutti i bambini e delle rispettive famiglie che sono incentivate a far praticare sport ai figli, che va a beneficio della loro salute. Dall’altro i costi del gas in aumento che non sono sempre sostenibili per tutti i gestori di impianti. Limitare il costo calmierando i prezzi aiuterebbe gestori e gli enti nella gestione e di conseguenza porterebbe ad un maggiore numero di strutture a beneficio degli utilizzatori.” Conclude il Presidente di Assopiscine.

“Fin dalla sua fondazione, Congepi ha costantemente sostenuto il settore natatorio, consapevole dell’importanza dell’attività sportiva come veicolo per il benessere generale. Per questo motivo, accogliamo con entusiasmo l’opportunità di creare una partnership con Assopiscine, mirata non solo a promuovere una pratica sportiva sempre più sicura, ma anche a garantire agli operatori una gestione sostenibile ed efficiente. Confidiamo che questa collaborazione possa aprire nuovi orizzonti e contribuire al consolidamento e ad un ulteriore sviluppo del settore.” Ha dichiarato Luca Bosi, presidente di Congepi.

Scritto da redazione