in , ,

Longevità e invecchiamento: l’importanza della condizione mentale

Un atteggiamento mentale positivo riferito all'invecchiamento è un presupposto fondamentale per una vita longeva e in salute ph freepik

Il sogno di tutti, dei giovani in particolare, è quello di non invecchiare, ma il processo è ineludibile e il condizionamento mentale ed emotivo che determina può essere affrontato con spirito positivo, primo passo per una longevità in salute

Nessuno può asserire che l’invecchiamento è una fase di vita preferita o preferibile a quella giovanile.

Certo, dipende molto da cosa ci aspettiamo dal nostro percorso di vita, ma sicuramente, è impossibile eludere un percorso fisiologico inevitabile, ancorchè la scienza e studi pagati miliardi di dollari da personaggi come Musk dicano che l’invecchiamento può essere rallentato finanche aspirando alla vita eterna. Se quest’ultima ipotesi la lasciamo agli illusi, sicuramente le proposte e le attività anti-aging assicurano qualche effetto apprezzabile.

L’esercizio fisico e una vita con il sorriso sono ottimi fattori che portano ad una vita longeva e quanto più indipendente ph freepik

L’altra certezza è che sani stili di vita, che includano un sonno adeguato, alimentazione corretta, l’ambiente in cui si vive e, soprattutto, esercizio fisico regolare, magari non sbilanciato su intensità eccessive – molto interessante il tema dell’Atleta della Longevità scritto da Vincenzo Lardinelli e pubblicato su wbox …- sono oggi la miglior soluzione per aspirare ad una vita lunga, in particolare in salute ed autosufficienti, due aspetti che preoccupano qualsiasi persona che guardi alla sua vita in età senile.

Un timore diffuso e confermato dall’indagine che richiama Fitt Insider, l’ennesima sfornata negli USA.

Come indicano alcune ricerche, tuttavia, c’è una buona parte di Over 60 che si dichiara in proporzione più felice delle altre generazioni, reputando la vecchiaia, ancor più in salute, un vero privilegio. L’atteggiamento mentale positivo conta veramente tanto ed è uno dei passaggi chiave per vivere più a lungo.

MALINCONIA

Quando si tratta di invecchiamento, la mentalità è importante

La paura dell’invecchiamento è molto diffusa.

  • Il 57% dei consumatori statunitensi si sente ansioso o depresso all’idea di invecchiare.
  • Il 63% esprime preoccupazione per il calo degli investimenti sanitari e medici.
  • Quasi la metà ha paura di perdere la propria indipendenza.


L’ 85% degli anziani ha almeno una condizione cronica, quasi il 70% richiede assistenza a lungo termine e un americano su cinque è ora un caregiver non retribuito.

Assistendo alla perdita della salute dei propri cari, le generazioni più giovani temono lo stesso destino.

ph freepik


MEZZO VUOTO

Confondere la vecchiaia con l’inevitabile disabilità ci costa.

La ricerca suggerisce che una visione negativa dell’invecchiamento aumenta il rischio di morte prematura. D’altra parte, le convinzioni positive sull’età possono combattere la demenza, abbassare la pressione sanguigna e sostenere la salute olistica.

Quando la malattia sembra predestinata, le persone sono meno propense a mettere in pratica comportamenti sanitari preventivi, creando una profezia che si autoavvera.

Un biohack potente e universale, che inverte la nostra percezione culturale dell’invecchiamento, potrebbe prolungare la durata della vita di ~ 7,5 anni.

PROFONDO DELLA PELLE. Interiorizzando la retorica anti-invecchiamento, i ventenni cercano il botox preventivo e gli adolescenti si concedono il lusso di prodotti senza rughe.

Le linee sfocate, la cura della pelle e le medspa sono diventate sottocategorie del benessere, contrastando gli effetti dell’invecchiamento sostenendo un’immagine di sé più giovane.

Sono un unguento temporaneo: le soluzioni estetiche non affrontano i problemi alla radice dell’invecchiamento.

FONDAMENTI

Guardando alle zone di interesse, è evidente che l’esercizio fisico, la dieta, l’ambiente e la comunità sono pietre miliari della vitalità per tutta la vita.

Sostituire l’isolamento sociale con l’attività, che si tratti di movimento, lavoro significativo o più tempo con la famiglia, è una medicina efficace contro la neurodegenerazione e le malattie cardiache.

La responsabilità personale è fondamentale, ma le persone hanno bisogno di assistenza e le startup getech si stanno facendo avanti.

Cervello. Per il trattamento dell’Alzheimer, Cognito Therapeutics ha raccolto 73 milioni di dollari per il suo auricolare stimolante le onde cerebrali a marzo, mentre l’app di MapHabit aiuta le persone affette da demenza a gestire le attività quotidiane.

Corpo. Con l’aggiunta di 17 milioni di dollari a settembre, Bold fornisce routine di fitness per ridurre le cadute tramite Medicare. Comprendendo esercizio fisico e nutrizione, Mighty offre coaching 1:1.

Caregiving. Con un valore di oltre 1 miliardo di dollari, Honor sta rivoluzionando l’assistenza domiciliare con un approccio in parti uguali tecnologico e umano. Consentendo l’invecchiamento sul posto, Caspar.AI alimenta le case intelligenti che monitorano la salute.

Finanze. Gestendo il denaro, Retirable fa durare i budget per la pensione, mentre Wellahead collega le famiglie alle risorse per i costi dell’assistenza a lungo termine. Per un reddito e mani extra, Nesterly consente ai pensionati di affittare stanze scontate ai giovani.

La cosmesi corre in soccorso a chi vuole rallentare i segni dell’invecchiamento, ma non risolve il problema ancor più se mentalmente siamo negativi ph freepik


RETROSPECT

Nonostante gli ostacoli, la ricerca suggerisce che i 60+ anni sono la fascia d’età più felice , con un senso di scopo e soddisfazione di vita che raggiunge il picco negli anni del crepuscolo.

Se la menomazione fisica e la perdita di capacità di agire possono essere evitate, l’invecchiamento è tutto un vantaggio. Spostando la narrazione, la “scuola di saggezza di mezza età” Modern Elder Academy inquadra l’invecchiamento come un privilegio, non come un problema.

Tramandando la speranza, le scuole materne intergenerazionali, che accoppiano i bambini con mentori senior, si stanno dimostrando efficaci nel migliorare gli atteggiamenti dei bambini nei confronti degli anziani.

BATTUTA FINALE: L’invecchiamento sano sfugge alla maggior parte degli americani, ma non perché non sia possibile. Le cattive abitudini di vita alimentano idee sbagliate sul processo di invecchiamento, esacerbando i cattivi risultati. Convincere le persone che la scelta e la mentalità contano potrebbe essere il più grande sblocco della longevità di tutti.

Scritto da redazione