in ,

Millennials e Gen Z alimentano con convinzione il mercato del benessere

Anche il mental wellness, per i giovani alla ricerca di una rassicurante dimensione di benessere e salute, rappresenta un obiettivo su cui investire ph freepik

Negli USA sono i giovani a dare una spinta decisa al wellness investendo su olistico, prevenzione, salute e, naturalmente, fitness

Sorprende un po’ che i giovani americani stiano sempre più investendo nel benessere, facendo crescere l’industria statunitense che attiene al wellness immobiliare, a viaggi esplorando la natura, a tecnologia del sonno, ad olistico e, naturalmente anche a fitness sempre più collegato a salute.

ph freepik

Invero, in altra indagine, sempre segnalata da Fitt Insider, chi alimenta maggiormente le outdoor experiences con obiettivo benessere, inclusive di viaggi avventurosi e di attività outdoor, sono i senior americani che stanno trasformando questo mercato, alimentando una domanda crescente, dimostrando quanto siano dinamiche le generazioni più avanti con gli anni (silenziosi e boomers).

L’ultima indagine flash evidenziata da Fitt Insider aiuta a comprendere come stia diffondendosi fra i giovani questa apprezzabile tendenza, che, in seconda o terza battuta, potrebbe riguardare anche le generazioni più giovani europee con ricadute positive per le palestre continentali.

LE GENERAZIONI PIÙ GIOVANI STANNO ALIMENTANDO IL MERCATO DEL BENESSERE NEGLI STATI UNITI
Con un valore di 480 miliardi di dollari+, i Millennial e la Gen Z spendono di più.


• Circa il 70% degli adulti statunitensi sta investendo di più nell’invecchiamento sano e nella longevità.

• Il 58% dà più priorità al benessere ora rispetto a un anno fa.

L’82% afferma che il benessere è una priorità assoluta nella propria vita quotidiana.

Non più frangia, il benessere e il fitness hanno preso piede.

E, al di là delle categorie ovvie, le persone stanno investendo in cose come la tecnologia del sonno, la bellezza pulita, la meditazione, i viaggi avventurosi, il benessere immobiliare…
Il tutto all’insegna della salute olistica.

Con la crescente consapevolezza, potremmo vedere un gradito spostamento verso la salute preventiva come impostazione predefinita.

Scritto da redazione