in ,

Sicurezza nelle piscine: è ora di agire

La piscina deve essere salute, spensieratezza, divertimento in piena sicurezza e non il teatro di fatti tragici e luttuosi ph cookie-studio by freepik

L’apprezzabile intervento di Ferruccio Alessandria su un tema troppo sottovalutato in Italia è un ulteriore segnale che bisogna essere più incisivi per prevenire i rischi di annegamento o incidente nelle piscine

Da diverso tempo le nostre testate Wbox online o cartacee si occupano del problema della sicurezza nelle piscine, avvertendo alcune volte di essere una sorta di voce isolata. Nel prossimo numero di HA Wellbeing di imminente uscita, interverrà a riguardo Rossana Prola, presidente di Acquanet ed esperta in norme afferenti alle piscine, per indicare che la conoscenza delle norme specifiche e maggiori attenzioni aiuterebbero già ad escludere certi rischi.

ph Kues1 by freepik

La cultura della sicurezza nelle piscine, per molti versi ben interpretata nelle piscine pubbliche tendenzialmente gestite da privati, è un problema che riguarda sia la popolazione, ma anche le istituzioni, senza ovviamente escludere gli addetti ai lavori.

Per dieci mesi all’anno di dimentichiamo del pericolo degli annegamenti, piaga che ogni estate miete vittime in acque libere, ma, purtroppo anche nelle piscine: abitative o condominiali o alberghiere dove la superficialità è diffusa e la consapevolezza dei rischi è praticamente nulla.

Al di là di un quadro normativo più mirato e rigido, servono anche campagne informative ed educative non limitate ai mesi estivi, ma durante tutto l’anno, per spiegare alla popolazione che il primo rimedio per la prevenzione e per sapere salvare sé e gli altri è saper nuotare, ma nuotare bene, meglio se imparando anche tecniche di salvamento.

Imparare a nuotare è una prima soluzione per evitare il rischio di annegamento, ma serve anche un rigoroso rispetto di norme adeguate ph freepik

Ne abbiamo parlato molte, molte volte, pure nell’ultimo editoriale pubblicato su HA Pool Construction di novembre-dicembre 2023.

Anche Ferruccio Alessandria, presidente di Assopiscine, si è speso a più riprese a questo riguardo e lo fa ancora una volta con un articolo pubblicato su www-wallstreetitalia-com che riportiamo integralmente, proprio perché dalle sue parole possa arrivare un ulteriore messaggio a chiunque operi nelle piscine o ami frequentarle per stare bene vivendo in piena sicurezza l’esperienza acquatica.

È tempo di arrivare a soluzioni concrete, alle quali lo stesso Ferruccio Alessandria sta lavorando anche con il Ministero della Protezione Civile ed ulteriori personalità autorevoli del nostro settore.

Sicurezza nel comparto piscine, una priorità per limitare i tragici incidenti che avvengono ogni anno

di Ferruccio Alessandria, Presidente di Assopiscine

ph www-wallstreetitalia-com

Secondo una ricerca realizzata dall’Istituto Superiore di Sanità si evince che negli ultimi diciotto anni sono avvenuti 6.994 annegamenti, di questi circa il 15% è avvenuto nelle piscine e le vittime molto spesso avevano meno di 20 anni. Questo per noi è un dato molto significativo che ci spinge ogni giorno a perorare la nostra causa, ovvero: disporre di una legge che regolamenti la sicurezza delle piscine private e semipubbliche.

I dati dell’ISS sono allarmanti e confermano quanto sia necessario adottare misure per prevenire e tutelare la sicurezza di bambini, adulti, ma anche animali, che possono scivolare nelle piscine mentre cercano una fonte dove abbeverarsi.

Da una ricerca di mercato che abbiamo realizzato con Jebo (Università degli Studi di Bologna) è emerso che in Italia esistono oltre 650.000 piscine fra private e semipubbliche (residenziali, condominiali, hotel, centri termali, campeggi) e questo numero è destinato a crescere, solo nel 2023 sono state costruite 20.000 nuove piscine, ed è previsto un incremento del 20% nei prossimi 5 anni, anche per questo è fondamentale, per noi, disporre di una legge che ne regoli la sicurezza.

Nella nostra proposta di legge, della quale abbiamo già iniziato a discutere con il Ministero per la protezione civile e per le politiche del mare, avanti al Ministro Nello Musumeci che ringrazio, chiediamo che sia resa obbligatoria la dotazione di dispositivi di sicurezza che possano ridurre i rischi di annegamento. Tra questi per esempio, recinzioni e coperture e sistemi che impediscano di cadere in una piscina quando non è sorvegliata, facendo tesoro anche delle disposizioni presenti nella norma UNI 11718. La nostra proposta di legge prevede la copertura delle piscine e l’inserimento degli obblighi di verifica sulla qualità delle acque, affinché siano applicate le nuove tecnologie per il trattamento chimico-fisico delle stesse, come definito dalle attuali Normative UNI, garantendo all’utenza un utilizzo sicuro e sostenibile. 

https://d-5396599631200278287.ampproject.net/2312191621000/frame.html La legge per cui Assopiscine si batte ogni giorno è già stata attuata in Francia, da oltre 20 anni, ed è la n° 2003-1389 del 31 dicembre 2004 e prevede che tutte le piscine interrate non chiuse, private a uso individuale o collettivo, debbano essere dotate di un dispositivo di sicurezza a norma, al fine di prevenire il rischio di annegamento. 

Oltre ad essere promotori della legge, stiamo cercando di sensibilizzare la filiera dell’intero comparto e abbiamo da poco lanciato la certificazione Piscine e Wellness di qualità, la prima in Italia rivolta ai costruttori del settore, che ne certifica la qualità attraverso auditor specializzati. Questa certificazione attesta non solo la qualità nel rispetto dei requisiti strutturali, di sicurezza delle costruzioni e dei progetti, ma ne garantisce gli standard elevati a beneficio di tutti, rafforzando la reputazione delle imprese e valorizzando l’esperienza dei clienti.

Assistiamo ogni anno a decine di incidenti che con la giusta regolamentazione potrebbero essere evitati. Ridurre il rischio di annegamento nelle zone balneari è pressoché impossibile perché sono tantissime le cause scatenanti, si pensi solo ai malori, che non possono essere controllati, ma se consideriamo le piscine possiamo davvero fare la differenza e tutelare le persone evitando che si ripetano tragici incidenti. Come Associazione siamo impegnati nel regolamentare la sicurezza anche durante la costruzione di piscine in modo che le strutture siano più sicure. Ci auguriamo di avere come la nostra vicina Francia, una legge che tuteli l’incolumità di tutte le persone, soprattutto dei più piccoli.

Fonte https://www-wallstreetitalia-com.cdn.ampproject.org/c/s/www.wallstreetitalia.com/sicurezza-nel-comparto-piscine-assopiscine/?ampInizio modulo

Scritto da redazione